Bomba davanti alla sede del partito di Salvini: è residente a Striano uno degli indagati


1785

Due cittadini di origini marocchine, uno residente a Sarno e l’altro a Striano sono indagati nell’ambito dell’inchiesta relativa all’esplosione di una bomba carta contro la sede della Lega a San Valentino Torio avvenuta il 6 gennaio scorso. L’accusa, per entrambi, è di detenzione di esplosivi. La Polizia ha perquisito l’abitazione dei due stranieri. L’esplosione danneggiò l’ingresso della sede del partito di Matteo Salvini.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE