Giocavano alla guerra, ma con armi vere. In due sono stati denunciati dai carabinieri. Entrambi si accingevano ad effettuare il “Softair” – l’attività di squadra basata sulla simulazione di tattiche militari con pistole ad aria compressa che sparano proiettili di plastica – nel Parco Avventura di Ospedaletto d’Alpinolo quando sono stati sorpresi dagli uomini dell’Arma. All’esito del controllo, un ventenne di Pompei ed un 25enne di Avellino sono stati trovati in possesso di due pugnali di genere proibito. I coltelli sono stati sottoposti a sequestro.