Multe fino a 60mila euro e sigilli ad un noto ristorante di Somma Vesuviana al confine con Sant’Anastasia. Denunciato anche il proprietario, un 50enne sommese. È il bilancio di un’operazione della Forestale del Parco del Vesuvio e riportata dall’edizione online de Il Mattino. In pratica locale aveva ricavato alcune vasche nel sottosuolo che finivano in un alveo e tutto veniva riversato nell’ambiente a partire dagli escrementi dei clienti, fino ai detersivi e gli oli esausti.