La loro identificazione è avvenuta a seguito di indagini, sia di natura tecnica che tradizionale, partite con l’esame di immagini di videosorveglianza, proseguite con servizi di osservazione, controllo e pedinamento, culminate con individuazioni di persona e perquisizioni. Si tratta di Ciro Amato, 42enne di San Giorgio a Cremano (per giunta in stato di semilibertà dopo aver scontato 10 anni di reclusione per rapina), Roberto Ascione, 39enne del quartiere Stella, Felice Corteggio, 23enne di San Giorgio a Cremano.

Sono loro ad avere effettuato sette rapine in un mese. Tutte con la stessa modalità. Questa è l’accusa che ha indotto i carabinieri della stazione di San Giorgio a Cremano, coordinati dalla Procura di Napoli, ad emanare un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei tre responsabili in concorso e autori a vario titolo delle rapine effettuate tra marzo e aprile 2018. Il primo episodio accertato risale al 14 marzo dello scorso anno, quando in uno studio legale di Portici i ladri si erano fatti consegnare dal titolare e dai clienti la somma di 440 euro, un orologio e uno smartphone, dandosi alla fuga dopo aver chiuso le vittime in un ripostiglio. Ma la catena di furti ha poi coinvolto una serie di supermercati tra Cercola, San Giorgio a Cremano, Portici, Barra, Ercolano e Ottaviano con un bottino complessivo che si aggira intorno ai 15mila euro.