La camorra della Sanità aveva assoldato “Lauro”, killer cutoliano con 30 anni di carcere


1658

Il gruppo di camorra che negli ultimi anni si era imposto al rione Sanità non aveva alcuna intenzione di andare per il sottile. Il presunto avvicinamento tra gli alleati della famiglia Savarese e gli storici rivali di via Fontanelle, i Vastarella, era uno sgarro che poteva essere lavato soltanto con il sangue. I Sequino, come spieghiamo meglio a parte, si erano già organizzati in tal senso e per questo motivo avevano addirittura assoldato un nuovo uomo dal grilletto facile. Un ex cutoliano con alle spalle qualcosa come trent’anni di galera. Sono proprio i due Pellecchia a informare della novità il ras Salvatore Sequino durante il colloquio avuto con lui in carcere il 22 novembre del 2017. A raccontarlo è il quotidiano “Roma” oggi in edicola. Silvestro e Salvatore Pellecchia riferiscono infatti al reggente del clan di aver ingaggiato un soggetto, indicato come “Lauro”, una persona di una certa età e con alle spalle trascorsi importanti nelle fila del clan Cutolo. Salvatore Sequino, che non conosceva personalmente la persona in questione, si augurava che questa avesse qualche appoggio “là sopra”, nella zona delle Fontanelle, dove risiedevano i Vastarella, vale a dire l’obiettivo disegnato per fare saltare la pace del rione Sanità. Salvatore Pellecchia, pur escludendo che “Lauro” disponesse di appoggi in zona, aggiunse che quest’ultimo avrebbe osservato a piedi tutto il quartiere già dalla mattina: «Quello si mette lì e aspetta…». A dimostrazione della bontà del nuovo “acquisto” fatto dall’organizzazione, Salvatore Pellecchia mise quindi in evidenza il fatto che l’ex cutoliano avesse trascorso in carcere ben trent’anni proprio per la sua affiliazione alla Nco, circostanza provata tra l’altro anche dai suoi numerosi tatuaggi. Il soggetto di cui discute il trio, indicato nel corso del colloquio sempre con un generico alias e mai con nome e cognome, ad oggi non è stato ancora individuato.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE