È stato trovato impiccato con una corda che si era costruito con le lenzuola del letto della cella nel carcere di Aversa dove era detenuto dal 27 marzo dell’anno scorso. È morto suicida il 22enne Othman Jridi, algerino, detenuto perchè aveva tentato di lanciarsi in auto contro il Santuario di Pompei, forse un tentativo di attentato molto maldestro. Il giovane era stato trovato ansimante nei giorni scorsi dagli agenti della polizia penitenziaria che hanno chiamato i soccorsi. A nulla è valso il tentativo di rianimarlo al pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe Moscati.

L’uomo viaggiava su un’auto rubata a Terzigno alle 14 di lunedì 27 marzo; alle 16 era a Pompei e lì, a bordo della vettura, ha percorso via Lepanto, la strada che porta davanti alla basilica, fino ad arrivare in piazza Bartolo Longo, senza trovare ostacoli alla percorribilità delle automobili, fioriere e transenne, rimossi per agevolare l’allestimento di un palco per la via Crucis pasquale. Quando è entrato nell’area pedonale, davanti al santuario Mariano, è stato avvicinato dai vigili urbani che volevano bloccarlo; venne arrestato a bordo di un autobus, dopo una fuga a piedi durata alcuni minuti.