Andò al pronto soccorso con dolori al braccio e al petto ma venne dimessa quasi subito con la diagnosi di una mialgia, semplici dolori. Dopo due giorni fu però trovata morta in casa dal marito: ad uccidere F. P., una donna di San Giuseppe Vesuviano era stato un infarto, molto probabilmente lo stesso che la vittima aveva già in corso quando si recò in ospedale. Motivo per cui i giudici hanno disposto di riesumare la salma per effettuare ulteriori accertamenti. A rischiare il rinvio a giudizio è il medico che quel giorno visitò la paziente mandandola a casa. A marzo ci sarà l’udienza preliminare sul caso.