Presunta morte per malasanità, 8 medici indagati: uno è di Pompei ECCO I NOMI


3406

Per 8 medici dell’ospedale civile di Caserta, il pubblico ministero della omonima procura Vincenzo Quaranta, ha chiesto il rinvio a giudizio, contestando il reato di omicidio colposo compiuto in concorso per la morte, avvenuta il 4 agosto del 2013, durante un intervento chirurgico di Andrea Arzillo di Santa Maria Capua Vetere. La vicenda somiglia a tante altre. In piena estate, arriva una persona con forti dolori, affermando di avvertire una forte colica renale. A riportare la notizia è casertace.net. I medici sotto inchiesta sono: Francesco Mariano di Curti, Donato Sciano di Caserta, Sergio Sgueglia, di Napoli, Antonello Maresca di Ercolano, Raffaele Carbone di Caserta, Giuseppe Coppola di Caserta, Raffaele Carotenuto di Pompei che sono accusati di non aver valutato correttamente i sintomi avvertiti da Andrea Arzillo e collegati ad una pesante patologia acuta di aneurisma.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE