L’Antimafia: «Da Brusciano fino a Pollena scenari di frizioni e rischi tra i clan di camorra»


2028

Quello che viene fuori dalle cronache è poi certificato dalla relazione della Dia che tra le zone di Brusciano fino a raggiungere Pollena Trocchia parla delle possibili di situazioni di pericolo e frizioni dovute ai clan. Ed in effetti proprio in queste zone ci sono stati diversi scenari di tensione. Ecco cosa scrive l’Antimafia: «Nell’area orientale vesuviana, precisamente a Pollena Trocchia e Massa di Somma si registrano segnali di ripresa nel controllo dei traffici illeciti da parte del sodalizio Arlistico-Terracciano. Nell’area di Brusciano, Castello di Cisterna e nei comuni limitrofi si sono registrati diversi episodi violenti sintomatici di una situazione di tensione originatasi dalla lotta intestina tra il clan Rega ed alcuni affiliati, che fanno capo alla famiglia Esposito. L’arresto del reggente di quest’ultimo gruppo aveva condotto ad un periodo di relativa calma, interrotto all’inizio di settembre, dalla gambizzazione di un soggetto vicino al reggente del clan Rega, cui hanno fatto seguito una serie di agguati, di cui sono stati vittime affiliati a quest’ultimo sodalizio. I territori di Cercola e Pomigliano d’Arco continuano a risentire dell’influenza di clan del napoletano».



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE