Pomigliano, appello di Don Peppino a Landini per «il lavoratore licenziato ingiustamente»


682

Il prete operaio di Pomigliano d’Arco, don Peppino Gambardella, lancia un appello al segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, ad «accompagnare nel suo percorso» l’ex delegato sindacale dell’ormai dismesso stabilimento La Doria di Acerra, Michele Gaglione, licenziato dall’azienda lo scorso 7 novembre, che aveva ritenuto offensivo il commento del lavoratore ad un post di un amico. Il sacerdote, che è anche presidente dell’associazione co-fondata dalla Fiom, “Legami di solidarietà”, lancia l’appello a Landini ricordando che Gaglione era delegato del sindacato di categoria della Cgil. Lo scorso novembre, dopo le prime lettere di trasferimento dei lavoratori de La Doria dal sito di Acerra a quelli salernitani, Gaglione commentò un post di un amico, che aveva criticato lo spostamento di un operaio malato, suscitando la reazione dell’azienda che lo licenziò. Da allora l’ex delegato è in attesa della causa per tentare il reintegro. «Nei giorni scorsi ho avuto modo di fare gli auguri a Landini per il nuovo incarico – afferma don Peppino, da settimane al fianco di Gaglione – lo aspettiamo a Pomigliano per rilanciare l’associazione Legami di solidarietà, di cui è cofondatore, ma intanto gli chiedo di prendere sotto la sua ala protettiva Michele, che secondo noi è stato licenziato ingiustamente». Don Peppino spiega che l’associazione che presiede da alcuni anni, «ha abbracciato anche Gaglione per non farlo sentire solo in questo momento».



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE