Marche da bollo false, in 20 verso il processo: ci sono sangiuseppesi e terzignesi ECCO I NOMI


1918

Sono stati contestati reati che vanno dalla truffa alla detenzione di valori di bollo alterati, alla falsità di titoli di credito ed utilizzo di denaro di provenienza illecita. Sono 20 le richiesta di rinvio a giudizio e riguardano Salvatore Caldarelli 57 anni di Terzigno, Antonio Bosco 6 anni di Campagna, Iuvana Mirra 31 anni di Eboli, Vito Oristano 79 anni di Capaccio, Sabatino Gravinese 49 anni di Stigliano, Lucia La Torraca 40 anni di Eboli, Vincenzo Citro 35 anni di Capaccio, Rosa Caldarelli 30 anni di San Giuseppe Vesuviano, Antonio Rita 50 anni di Battipaglia, Giuseppe Ontano 58 anni di Battipaglia, Gaetano Pirozzo 48 anni di Capaccio, Antonio Salerno 59 anni di Altavilla Silentina, An tonio Abagnara 28 anni di Pagani, Matteo Antonio Sicignano 34 anni di Pagani, Adriano Pellegrino 44 anni di Napoli, Maurizio Rossomando 57 anni di Capaccio, Franco Sabia 48 anni di Capaccio, Luigi Terruzzi 35 anni di Sala Consilina, Francesco Esposito 79 anni di Pagani, Vincenzo Capuano 60 anni di Castel San Giorgio. Secondo l’impianto accusatorio formulato dalla Procura di Salerno, gli imputati, tra il 2013 ed il 2015 avrebbero alterato (nel valore e nella data) valori bollati utilizzati anche per la cancellazione, presso la Camera di Commercio di Salerno. L’alterazione dei valori bollati è stata riscontrata in più episodi. I valori alterati sarebbero anche stati ceduti a più soggetti. Tra i reati contestati anche l’alterazione del timbro del Comune di Agropoli apposto in calce ad una quietanza liberatoria relativa ad un assegno bancario.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE