Abusi sessuali su una 13enne di Pompei, condannato a 5 anni di carcere


2411

Ancora una storia di violenze ai danni di una minorenne. Ancora una volta una minorenne suo malgrado protagonista. Dovrà scontare cinque anni e otto mesi di reclusione in carcere. Questa la condanna definitiva a carico di C.G., 42enne di Gragnano. L’uomo è stato ritenuto colpevole del reato di violenza sessuale ai danni di ragazzina di Pompei, minorenne all’epoca dei fatti. Per il 42enne gragnanese è invece arrivata l’assoluzione per l’accusa di stalking. Secondo l’accusa, l’uomo, regolarmente sposato, si sarebbe infatuato di una ragazzina circa 13 anni fa, quando avrebbe provato a convincerla ad instaurare una relazione sentimentale. Sempre in base alla ricostruzione effettuata dalla pubblica accusa, le persecuzioni verso la ragazzina sarebbero state continue, nonostante gli episodi di maltrattamenti denunciati dalla vittima. Per questo nel 2011 l’uomo fu arrestato con le accuse di stalking, minacce aggravate e resistenza pubblico ufficiale. Ma per questo reato è stato poi assolto. Tuttavia, i giudici lo hanno ritenuto colpevole in seguito alla dimostrazione degli orari e dei giorni in cui si incontrava con la ragazza. Sempre in base alla ricostruzione accusatoria, a tradire l’uomo sarebbe stato il dispositivo satellitare installato nella sua automobile con la quale era solito incontrarsi con la ragazza. Sarebbe stato proprio grazie all’apparecchio che gli inquirenti hanno potuto ricostruire gli spostamenti dell’uomo, con tanto di giorni e orari. L’uomo è stato così condannato in via definitiva e per lui si sono aperte le porte del carcere napoletano di Poggioreale.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE