Continua la protesta dei lavoratori di acerra del Consorzio unico di bacino del gruppo. Ieri si sono ritrovati davanti al Santuario di Pompei per portare il loro messaggio. L’arcivescovo, monsignor Tommaso Caputo, li ha ricevuti, ascoltando le loro ragioni e poi li ha invitati a pranzare con lui alla mensa dei poveri, presso la casa del Pellegrino.

La vicenda dei dipendenti del Consorzio unico di bacino va avanti ormai da tantissimo tempo, e allo stato è in corso il piano straordinario che consente di impiegare i lavoratori solo su alcuni Comuni e per periodi di tempo limitati.