Poggiomarino, cimitero chiuso a Natale: protesta per farlo aprire: «Fateci salutare i nostri cari»


1969

Natale di martedì, giornata prevista di chiusura per il cimitero di Poggiomarino. Ma oggi non era una ricorrenza qualsiasi, e molte persone si sono ritrovate davanti ai cancelli per salutare i loro cari, anche perché per qualcuno che vive lontano, era davvero l’unico giorno disponibile per portare un fiore sulle tombe di genitori, figli, fratelli o nonni. Insomma, tanto è stato sufficiente a fare scattare il sit-in all’esterno del camposanto. Una protesta che si è conclusa con l’apertura di almeno qualche decina di minuti.



Il tam tam di quanto stava avvenendo davanti al luogo di silenzio chiuso è partito dai social network. Molte persone, infatti, sono arrivate a Poggiomarino per Natale e già in giornata sarebbero state costrette a ripartire per tornare in tempo al lavoro fuori regione o addirittura all’estero. Ad un certo punto è anche salita la tensione, fino a quando, grazie all’intervento dell’impresa che gestisce le inumazioni, si è proceduto ad aprire i cancelli contemporaneamente al seppellimento di una salma di cui ieri c’erano stati i funerali.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE