La Procura di Nola, a seguito di una lunga indagine della Guardia di Finanza, ha emesso questa mattina un’ordinanza di misure cautelari per tre persone: M.M, M.G. e T.S., tutte di Nola, e dedite all’importazione di olio lubrificante di contrabbando e provenienza estera. Le indagini sono partite da un maxi-sequestro effettuato il 10 novembre del 2017 al Terminal Intermodale di Nola di circa 300mila litri di prodotto energetici appositamente miscelati con renderli classificabili come olio lubrificante. Tutto era giunto a bordo di tank container con documenti falsi. Solo nel 2017, al Tin di Nola, sono giunti dal Belgio circa otto milioni di litri di gasolio alterato. Da Nola, il carburante veniva poi venduto in tutta la Campania ed in parte d’Italia.