“Mangiatoia e Mangiatoria”, Natale ricco di bontà a Palma Campania


459

Tradizione culinaria e arte presepiale protagonisti a Palma Campania, all’interno del Palazzo Aragonese, dove sarà possibile intraprendere, nei giorni 14, 15 e 16 dicembre, un viaggio alla scoperta dei prodotti tipici della nostra regione attraverso i cibi presenti nell’allestimento Presepe napoletano. Il progetto nasce con l’idea di valorizzare il territorio regionale e i suoi prodotti tipici, di raccontare le tradizioni attraverso la tavola e di far conoscere le origini del prodotto prima ancora che diventi pietanza, con una particolare attenzione ai temi del mangiar sano. Un tributo alla cultura gastronomica napoletana, dall’orto alla pentola, dai prodotti tipici alle ricette della tradizione, dal mercato alla dieta mediterranea, il tutto all’interno di un contesto molto più ampio, organizzato in collaborazione tra assessorato alle attività produttive e agli eventi, denominato Natale Insieme, caratterizzato da tanti altri eventi racchiusi in un tabellone ricco di appuntamenti che si concluderanno il giorno dell’Epifania. «Nel solco di una secolare tradizione – spiega il sindaco Nello Donnarumma – che vede il nostro paese sempre sensibile ad una festività come il Santo Natale, ci è sembrato opportuno valorizzarne gli aspetti più classici e sentiti, coniugando la passione mai sopita per il presepe, a quella altrettanto viva dei prodotti culinari, che si consumano abbondanti durante il cenone ed il pranzo. Un modo per celebrare degnamente la tradizione, ma anche per valorizzare ciò che la nostra terra sa offrire, mediante un’esposizione, grazie alla quale, le nostre eccellenze nel settore potranno mostrare il meglio del proprio repertorio».



«Il Santo Natale – il commento dell’assessore alla cultura e agli eventi Elvira Franzese – è senza dubbio la festa più amata da ogni Cristiano. Un momento che scalda il cuore e lo riempie di gioia grazie a quell’atmosfera magica che solo la nascita di Gesù sa creare. Nostro dovere, in qualità di amministratori, è quello di esaltare tale magia, contribuendo ad innalzare questa gioia nell’animo della nostra gente, non disdegnando però quell’aspetto magari meno spirituale, ma altrettanto essenziale, legato all’esigenza di concedere la giusta visibilità al nostro territorio, a quanto di buono sa offrire e a quanti si adoperano affinché si possa beneficiare dei suoi prodotti. Il connubio tra la tradizione religiosa e quella culinaria rappresenta un mix perfetto per restituire al Natale quella funzione centrale nella mente dei cittadini palmesi»

Sulla stessa lunghezza d’onda Luigi Albano: «Questa amministrazione – afferma l’assessore alle attività produttive – sta restituendo a Palma Campania quella voglia di socialità che stava perdendo. I palmesi non vivevano più il paese, non riuscivano più a frequentarsi e a relazionarsi come una volta. Era necessario fornire loro gli strumenti necessari perché quella socialità di cui sopra potesse riaffiorare dal punto di vista produttivo, economico e culturale. Serviva un Sindaco come Nello Donnarumma, ed un gruppo di assessori che lavorassero in sintonia come abbiamo fatto io ed Elvira Franzese in questo ultimo periodo perché arrivasse una scossa. Il nostro paese non potrà forse vantare negozi d’élite come altrove, ma è ricco di esercizi nei quali trovare merce di ottima qualità. Il nostro obiettivo è quello di consentire a queste attività di competere con lo strapotere dei grossi centri commerciali, garantendo a se stessi una dignitosa sussistenza, e al paese quella linfa vitale perché possa tornare ai fasti di un tempo».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE