Sarebbe stato proprio il complesso per cerimonie “Villa Manzi” a Roccarainola la base e forse anche il nascondiglio della droga che arrivava dall’estero. Ne sono convinti i magistrati della Dda che ieri hanno fatto arrestare 17 persone per narcotraffico della camorra tra cui il proprietario dell’incantevole struttura, Armando Manzi, ed il figlio Oreste. E sempre secondo l’Antimafia i Manzi avrebbero anche protetto la latitanza di alcuni esponenti del clan Lo Russo di Napoli, i veri trafficanti degli stupefacenti.