Incendio al Cis, assolti i fratelli Pagano e Iervolino: erano accusati di rogo ai fini di truffa


3509

Questa mattina il Gup del Tribunale di Nola, al termine di una lunga Camera di Consiglio, ha prosciolto i fratelli Antonio, Massimo e Angelo Pagano e il loro datore di lavoro Aniello Iervolino, titolare della società Giam Srl ubicata presso il Cis di Nola. I quattro erano stati accusati in concorso di “incendio doloso finalizzato alla truffa assicurativa”. Circa due anni fa, precisamente il 25 gennaio del 2017, alcuni capannoni siti presso l’isola 1 del Cis di Nola furono distrutti in un incendio. A seguito degli accertamenti il rogo venne definito di natura dolosa, ed i quattro imprenditore di San Giuseppe Vesuviano furono posti agli arresti domiciliari.



I difensori dei fratelli Pagano – gli avvocati Federico Bonagura e Giovanni Vecchione di Palma Campania – unitamente ai difensori di Iervolino (gli avvocati Antonio Tomeo e Luca Capasso) tutti del foro di Nola, hanno fatto chiarezza sull’intera vicenda processuale smontando in fase di udienza preliminare l’intero impianto accusatorio della Procura di Nola. Finisce dunque l’incubo per i quattro ormai ex imputati che, sin dall’inizio delle indagini, si sono sempre dichiarati estranei ai fatti.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE