Foodology, da Palma Campania la startup dell’enogastronomia “Made in Italy” in chiave digitale


1308

Ha lavorato a lungo all’estero, maturando proprio nei suoi anni di esperienza in Europa l’idea di potere fare qualcosa di importante per se stesso e per la sua terra. Così, Nello Gatti, di Palma Campania ha rimesso “radici” – nel vero senso della parola – a casa, mettendo a disposizione il bagaglio che si è costruito nel tempo. Il progetto è Foodology, un’offerta enogastronomica d’eccellenza Made in Italy in chiave moderna, digitale, innovativa, tanto rispettosa delle tradizioni e le biodiversità quanto accattivante nelle proposte e nei packaging. «Sono di recente rientrato dopo numerose esperienze e viaggi all’estero che mi hanno portato a completare gli studi a Vienna e lavorare per prestigiose Aziende in Spagna e Inghilterra – racconta Gatti – Proprio durante la mia ultima esperienza a Londra ho deciso di rientrare in Italia per confrontarmi con realtà produttrici, istituzioni ed addetti ai lavori. Piacevolmente devo riconoscere che ho ricevuto molta attenzione ed apprezzamento, quindi il progetto ha raccolto molto velocemente consensi e partners».



In pillole, Foodology è una rete di produttori agroalimentari che promuove – specie nei mercati internazionali – le più alte eccellenze ed i prodotti maggiormente rappresentativi del Made in Italy, andando a valorizzare territorio, biodiversità, storie di produttori. «Avviati i lavori circa un mese fa, apriremo a breve il nostro showroom a Salerno, prestigiosa enclave commerciale in cui promuoveremo i nostri prodotti e produttori attraverso workshop, degustazioni guidate e serate a tema – spiega Gatti – Ad oggi abbiamo già aderito alle principali fiere di settore che si svolgeranno nel 2019, dal Vinitaly a Verona al Fancy Food di New York, allo scopo di portare il consumatore di ogni parte del mondo a conoscenza della genuinità dei nostri territori». Chi volesse comprendere più a fondo il mondo di Foodology e le novità che emergono dal progetto può farlo andando su www.foodology-italia.com. «Osservo con grande interesse l’evoluzione della Food Industry, in cui l’Italia deve stare attenta nel puntare tutto in qualità e tutela delle sue biodiversità, i suoi territori, le sue forme d’arte – conclude Gatti – Sono fiero di aver creato una grande rete di piccole imprese, ambasciatore delle esperienze e la genuinità delle sue persone ancor prima dei prodotti».

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE