Tartarughe e cardellini: a Trecase centrale di smistamento degli animali protetti


736

Scoperta da Lipu e carabinieri una centrale di smistamento di animali protetti in pieno Parco Nazionale del Vesuvio: era a Trecase, in un giardino retrostante un tranquillo e modesto negozio di animali. Qui si nascondeva una vera e propria centrale di raccolta di animali protetti da immettere nel mercato clandestino, almeno fino a quando le indagini condotte da Giuseppe Salzano, referente delle Guardie Lipu di Napoli, non hanno infine prodotto un blitz dei militari dell’arma della stazione di Boscoreale del raggruppamento carabinieri del Parco e delle stesse Guardie Lipu. Rinvenute 15 tartarughe del tipo “testuodo hermanni”, una tartaruga “testudo marginata”, una testudo graeca, 12 cardellini, 2 tordi bottacci, 3 frosoni, 2 lucherini, 2 fringuelli, 4 fanelli e 2 allodole.



S. I., il 66enne nelle cui disponibilità erano gli animali, vistosi sorpreso, ha tentato di far sparire i corpi del reato aprendo alcune gabbie e facendo volar via degli uccelli, ma a nulla è valso il suo tentativo: il trafficante è stato denunciato. «Gli uccelli hanno ripreso la loro libertà alle pendici del Vesuvio – ha dichiarato Fabio Procaccini, delegato provinciale Lipu – ma è davvero incredibile che il territorio del nostro Parco ospiti una centrale di smercio di animali protetti. Invitiamo chiunque sia a conoscenza di fatti simili a denunciarli».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE