Pay TV in streaming: come funziona e come scegliere le offerte migliori


586

Intorno agli anni ’60 nasce in Inghilterra la televisione a pagamento e viene diffusa via cavo. Nell’agosto del 1990 il Parlamento Italiano riconosce tre concessioni televisive alla società TELE+, per la prima piattaforma televisiva a pagamento in Italia. TELE+ inizia a trasmettere nel 1991, attraverso il satellite, richiedendo, per poter essere vista, un abbonamento ed un decoder. Suo punto di forza, per cui comincia a diffondersi notevolmente, sono le partite di calcio e le anteprime dei film.



Man mano altre piattaforme si sono aggiunte, soprattutto con l’avvento del digitale terrestre ed infine, nel 2005, con Alice Home TV si diffonde in Italia la Pay TV in streaming, strettamente legata ad Internet e alla sua crescente diffusione.

La Pay TV in streaming differisce dalle altre TV nel modo in cui i contenuti vengono diffusi: mentre nella TV satellitare il segnale si diffonde grazie a trasmettitori collocati su satelliti, la TV terrestre si serve di onde radio che camminano attraverso trasmettitori posti sulla terraferma ed infine la televisione via cavo utilizza il cavo della rete telefonica, nella TV in streaming il flusso di dati viene trasmesso attraverso la rete Internet.

Con la Pay TV in streaming, dunque, è possibile vedere i programmi desiderati senza dover ricorrere ad un decoder o installare antenne paraboliche: basta avere una buona connessione ad Internet ed in più si paga solo il programma che interessa. È necessario che la connessione sia stabile e veloce, preferibilmente con rete fissa ADSL o fibra ottica, dopodiché si può guardare il programma che si desidera sul tablet, sul pc o su qualsiasi altro dispositivo elettronico.

Potendo acquistare un solo evento o mesi di visione, si paga solo l’effettivo utilizzo della Pay TV e si è liberi da qualsiasi vincolo contrattuale, basta non rinnovare l’abbonamento e automaticamente si recede da esso.

La Pay TV in streaming si divide in TV streaming on demand, che può essere vista in qualsiasi momento a seconda delle proprie esigenze e disponibilità, e la TV streaming live, in cui il programma può essere visto non in base ai tempi dell’utente, ma in base a quelli della piattaforma che li trasmette, come la classica TV.

L’offerta legata alla Pay TV in streaming è molto ampia. In linea di massima, solo per citarne alcune, si può dire che la piattaforma NOW TV è adatta per chi ama lo sport e i programmi di intrattenimento, Netflix per gli appassionati di serie TV e di documentari, Chili per chi ama il cinema.

Infinity, invece, offre la funzione Download&Go, che permette di scaricare alcuni contenuti per poterli poi guardare sul proprio dispositivo anche in assenza di connessione Internet.

Può influire sulla scelta anche l’obbligo o meno di un abbonamento, il fatto che i contenuti si possano vedere oppure no in HD, che si possano usare contemporaneamente due o più dispositivi. Oltre a questo, bisogna poi scegliere tra le varie tariffe e promozioni e allora l’aiuto di un comparatore diviene indispensabile.

Comparasemplice.it trova le combinazioni di pacchetti più vantaggiose, permette di scegliere tra un’ampia proposta di cinema, sport, serie TV, cartoni animati e ti mantiene sempre aggiornato sulle varie promozioni legate alla Pay TV in streaming.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE