Si è rinnovato oggi presso l’Eremo di San Vitaliano a Casola di Caserta, l’appuntamento con la Memoria dei caduti per la Pace in occasione della Santa Messa dedicata agli eroi Giovanni Pezzulo e Gaetano Tuccillo. Ricordato, dunque, il ventinovenne caporal maggiore Gaetano Tuccillo (del Battaglione logistico “Ariete” di Maniago, in provincia di Pordenone) originario di Palma Campania rimasto ucciso il 2 luglio 2011 in un attentato nei pressi del villaggio di Caghaz, in Afghanistan. Il soldato, si ricorda, era a bordo di un mezzo investito dall’esplosione di un ordigno posizionato lungo la strada. Il villaggio di Caghaz è a 16 chilometri ad ovest di Bakwa.

Al momento dell’attentato Gaetano Tuccillo era sposato con una infermiera olandese, la venticinquenne Evelien Dwars, e i due risiedevano a Treviso. Da ex volontario, era rimasto nell’Esercito per passione e aveva già svolto altre missioni all’estero. Gaetano figlio di Tommaso, operaio specializzato in un’impresa edile, e di Rosa Piccolo, aveva due sorelle Giovanna, maggiore di lui, che era incinta di 7 mesi, e una sorella gemella, Marianna. Come è noto presso l’eremo retto da don Valentino Picazio da qualche anno esiste il Sacrario dedicato ai morti in Missione di Pace e periodicamente lo stesso sito, adiacente all’Eremo di San Vitaliano in Casola di Caserta diventa Luogo della Memoria nell’ambito del progetto “Una storia x la vita”.