Condanna all’ergastolo confermata anche in Appello per Giovanni Birra detto “A’ Mazza” ed il suo luogotenente, Stefano Zeno. Al centro del processo ci sono 4 fatti di sangue ordinati dai due capoclan contro gli affiliati al clan avversario degli Ascione-Papale. Con Birra e Zeno sono stati condannati anche 4 collaboratori di giustizia. Pentiti che, un tempo, erano vicini ai cartelli criminali ercolanesi.

La condanna è arrivata per gli omicidi di Raffaele Di Grazia e Lucio Di Giovanni che furono massacrati in via Venuti il 6 febbraio 2000, a pochi passi dalla caserma dei carabinieri di Ercolano. I due cognati furono crivellati da una pioggia di proiettili esplosi da due killer in sella a una moto di grossa cilindrata, uomini del clan Lo Russo di Miano.