Boscoreale, pestaggio a sangue per una donna contesa: 4 condanne, c’è l’uomo del clan


718

Una donna contesta aveva scatenato la furia del “branco” all’interno di cui c’era anche un giovane vicino al clan egemone dell’area, i Gallo-Limelli-Vangone. I fatti a Boscoreale a maggio, quando un 19enne venne pestato e rapinato, così come il padre di 47 anni che aveva provato ad intervenire in suo soccorso. Il ragazzo venne derubato dello scooter e della catenina, poi picchiato a sangue. Condanni tra i 4 e i 3 anni di reclusione i quattro componenti del branco capeggiato dal 20enne Marco Raffaele Falanga, detto “lo scopone”, figlio di Felice “’o castagnaro”, affiliato al clan Gallo-Limelli-Vangone. Con lui anche Carmine Angelo Perna, pregiudicato di 24 anni, e gli incensurati Gennaro Prete di 24 anni, ed il 18enne Emanuele Cirillo. Secondo l’accusa il ragazzo si vedeva con una giovane legata ad uno degli aggressori.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE