Villa Dionisiaca, boom di ospiti a Somma per visitare i nuovi reperti archeologici


4390

Ottima affluenza è stata registrata alla Villa Dionisiaca di Somma Vesuviana, in località Starza della Regina, già dalle ore 9 di questa mattina fino alle 13 e poi dalle 15,30 alle 17,30. Il sito archeologico, che resterà aperto alle visite gratuite anche domani, domenica 7 ottobre, è stato scoperto intorno agli anni ‘30 e i lavori di scavo sono iniziati nel 2002 grazie al professore Antonio De Simone e i giapponesi dell’Università di Tokio. Al pubblico sono presentati insieme ai precedenti tesori, emersi da decenni, anche gli ultimi rinvenimenti ovvero una grande cisterna, localizzata alle spalle della stanza absidata e un’area con tracce di numerose fasi di frequentazione ed abbandono, risalente al periodo compreso tra il secondo secolo d.C. e l’eruzione del 472 d.C.



Gli studi verteranno sulla ricostruzione relativa agli usi di questi ambienti e alle varie fasi di vita. Tra le tante guide in loco, per “tutorare” la visita archeologica di questa mattina, spiccano il funzionario della Sovrintendenza, Mario Cesarano e lo stesso Ferdinando De Simone che ha accolto i visitatori e vari gruppi di studenti universitari. Ormai si parla di una Villa estesissima. Difatti c’è ancora da individuare la zona residenziale. I lavori continueranno per anni e questo significa impiego per l’Università giapponese, per le aziende italiane con manodopera specializzate ed altre aziende dell’indotto. Dunque, il patrimonio storico, artistico-archeologico sembra il volano più sicuro per lo sviluppo turistico di tutta la zona dell’entroterra vesuviano.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE