Palma Campania, 10 anni della pizzeria Jolly: «Il segreto? I prodotti di eccellenza locale»


2446

Gennaro Catapano è uno che con la pizza ha iniziato prestissimo: infatti, il 5 novembre 2018, la pizzeria Jolly compirà 10 anni. Il progetto “Jolly” nasce da un disegno coerente ad opera di Gennaro e suo fratello Angelo (poi trasferitosi a Milano): da sempre, hanno cercato di portare la cultura della pizza studiata ma non lontana dai gusti del popolo dal “salotto buono” di Napoli fino alla provincia, e in modo particolare a Via Nuova Nola, nel comune di Palma Campania. Una zona certo non povera di spunti enogastronomici interessanti, dai quali Gennaro ha sempre attinto – e con riconoscenza – a piene mani: dalla selezione degli ingredienti per il topping delle pizze, alle collaborazioni con gli chef, fino alla carta dei vini e delle birre in costante aggiornamento e che predilige cantine e birrifici a pochissimi chilometri di distanza. In concomitanza con il decennale, Gennaro presenta al pubblico il menu protagonista dei prossimi mesi, “Percorsi d’autunno e d’inverno”. Sei le nuove pizze in carta, che si affiancheranno alle proposte storiche e sempre presente di Jolly.



Le novità vedranno come protagonista, ovviamente, la terra dove è nato e cresciuto non solo Gennaro ma anche i suoi collaboratori. Via libera quindi a nocciole, noci e castagne in diverse consistenze (dalla granella alle creme), alle ricette del territorio come lo Scarpariello su pizza, agli ortaggi e le verdure di stagione, con alcuni azzardi come la mela annurca.  Una intera parte del menu sarà declinata al pomodoro: infatti, durante l’ultima edizione di My Social Recipe, Gennaro ha ricevuto la menzione speciale per la miglior pizza al pomodoro elargita da Francesco Franzese de La Fiammante, a dimostrazione della padronanza che il giovanissimo pizzaiolo (giovane, ma con già molti anni di esperienza!)  ha della materia prima. Il capitolo antipasti vede il territorio rappresentato con un appetizer fatto di bocconcini di baccalà impanati su crema di broccolo romano e fiori eduli. Il baccalà è molto diffuso in questa zona grazie alla vicinanza di Somma Vesuviana, dove c’è uno dei commerci più fiorenti d’Europa in tal senso. Non mancano però fritture tradizionali, come crocché di patate, arancini e frittatine di pasta napoletane, oppure straccetti di pizza fritti con ragù oppure con sbriciolata di salsiccia, crema di broccoli e fonduta di cacio. Per il beverage, le birre artigianali vedono per il momento due birrifici presenti: Okorei di Marigliano e Birra di Paestum, con alcune referenze.  I dolci sono affidati, come sempre, alla Dolciaria Marigliano di San Giuseppe Vesuviano.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE