Ha raccontato dinamiche criminali che vanno dal periodo della Nco di Cutolo, fino agli ultimi avvenimenti dei clan locali. Si tratta di Michele Auriemma, detto “Zi Bacco”, per anni uno dei colonnelli del temutissimo clan del “professore vesuviano”. Secondo quanto raccontato dal quotidiano Metropolis, Auriemma avrebbe fatto richiesta di revoca della libertà vigilata, tuttavia respinta nonostante la collaborazione con la giustizia. Nelle intenzioni del pentito c’era infatti quella anche di potere ritornare nel suo territorio, una possibilità che i giudici non gli hanno concesso.