Concorso con il clan Fabbrocino, super condanna per i fratelli Ragosta e le loro mogli


12745

Arriva la condanna in primo grado, ed è durissima per i fratelli Francesco, Fedele e Giovanni Ragosta. Secondo i giudici i tre imprenditori originari di San Giuseppe Vesuviano e da tempo ad Ottaviano sono colpevoli di concorso esterno in associazione mafiosa per il clan Fabbrocino. Condannate anche le mogli dei tre: Concetta Adiletta, Anna Mario Iovino e Carmela Vanacore. Per loro, tuttavia, è caduta l’accusa più infamante di camorra ed hanno ricevuto una pena di 7 anni. Più pesanti le condanne per i coniugi: 15 anni inflitti a Francesco, e 14 anni a Fedele e Giovanni.



Fedele Ragosta, uno dei tre fratelli-imprenditori di Ottaviano condannati in primo grado

Le accuse, oltre quelle di concorso esterno in associazione camorristica, riguardano anche il reimpiego di denaro sporco aggravato dal fine mafioso e bancarotta per il solo Francesco. Dovranno scontare quattro anni Ersilio Giannino, Francesco Greco e Giorgio Del Gado. Per il primo anche una multa di 4mila euro. Tre anni e quattro mesi invece per Giovanni Ambrosino, Luigi Scala e Giuseppe Virzo. I giudici hanno disposto anche la confisca dei beni sequestrati anni fa ai Ragosta.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE