Cosa cambia sui rischi aziendali e sulle assicurazioni? Tantissimo soltanto negli ultimi anni, quando la tecnologia ha drasticamente mutato non solo i vantaggi per le società di ogni tipologia, ma anche i pericoli che sono giunti attraverso le “strade hi-tech”. E proprio di questo si è parlato nella sala consiliare del Comune di Sarno, con il convegno promosso da Iemmino Assicurazioni con sedi a Poggiomarino e Striano, insieme al Cais (Consorzio area industriale di Sarno). In tal senso l’agente generale, Antonio Iemmino ha affrontato i temi dell’Insurtech, Timing e Business. E durante l’intervento ha spiegato quelli che sono i nuovi pericoli per le aziende: «Ad oggi esistono troppi contratti di protezione che risalgono anche a 20 anni fa, ma da allora tutto è mutato. Al tempo non esistevano ad esempio gli attacchi informatici degli hacker, o ancora non avevamo strumenti così avanzati da permettere di “spiarci” mediante webcam o addirittura normali elettrodomestici».

E sul rischio inquinamento riferisce: «Oggi, con le nuove norme, è molto semplice essere additati come responsabili di un problema di carattere ecologico, e spesso si tratta di danni ambientali che possono costare anche un milione di euro». Insomma, per le imprese occorrono dunque nuovi contratti assicurativi con rischi che cambiano pelle alla stessa velocità di quanto avviene con il progresso tecnologico. E per quanto riguarda la protezione dei dati dagli attacchi informatici, è stato illustrato il modello BooleBox, una vera e propria cassaforte per i documenti.