Striano, guardia medica chiusa da 5 giorni per l’adeguamento ai locali: è scontro politico


1236

Il presidio di Guardia Medica di via Marciano è chiuso da cinque giorni, e mentre gli utenti di Striano iniziano a sperimentare i primi disagi, per l’interruzione di un pubblico servizio fondamentale, infiamma la polemica politica. È dunque scontro tra l’amministrazione comunale uscente, l’opposizione, gli ex consiglieri comunali. Il solito scaricabarile di responsabilità, il classico “dove eravate prima?”, “che cosa avete fatto negli anni passati?” Dal Comune fanno sapere di non essere stati messi a conoscenza della decisione assunta “ad horas” della chiusura del presidio per volontà del Direttore Generale del Distretto Sanitario Napoli 3 Sud, al fine di ripristinare a norma i locali finora utilizzati per il servizio di Guardia Medica.



La guardia medica di Poggiomarino, dove gli utenti si recheranno fino alla riapertura dei locali

«Non è nostra responsabilità – sentenziano laconici dal Comune – la decisione è stata presa dall’Asl. Ci auguriamo che il disagio possa rientrare il prima possibile». Gli utenti strianesi, nel frattempo, sono costretti a rinunciare ad un altro importante servizio assistenziale, dopo aver perso negli anni anche il punto vaccinale. Ora si vedranno costretti a recarsi presso il presidio trasferito a Poggiomarino, già congestionato di norma. Dal Comune fanno sapere che metteranno a disposizione la polizia locale per il trasporto dei pazienti più anziani. Qualcuno si chiede come mai non sia stata individuata un’altra struttura comunale, dove trasferire, provvisoriamente la Guardia Medica. Forse ci sarebbero i locali del Museo Civico in piazza D’Anna, ma a decidere è anche in questo caso l’Asl, il Comune può solo indicare.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE