Da San Giuseppe Vesuviano a tutta Italia, continua il sogno della modella in carrozzina


3397

È la moda, la sua grande passione. Estro, creatività, eleganza, bellezza, fascino. Danzano nella mente di Vincenza, in un fantasmagorico turbinio armonioso. L’arte applicata alle stoffe, e queste al corpo come una seconda pelle, continuano a liberarla. Ma il movimento incerto delle mani, le sue gambe non più del tutto flessuose, i piedi sbilanciati, la inchiodano alla sedia a rotelle, che avvolge e orienta ormai la sua disabilità. A raccontare la storia è odysseo.it



Con quest’ausilio, Vincenza Dinoia sfilerà in passerella al “Puglia inclusive fashion trend 18/19” di Trani, domenica 16 settembre, con inizio alle 19.30 presso Villa Carcano, alla periferia sud della città levantina in cui la pietra romanica racconta le sue superbe imprese verticali e il mare le sue inedite prospettive orizzontali.

Nel ventre della location agreste, come già nelle sedi urbane di Parigi, New York, Tokyo, Milano e Roma, alcune modelle professioniste e tre in carrozzina, fra cui Vincenza, coniugheranno fascino e impegno sociale, le nuove tendenze stilistiche indicate da Sabrina Altamura con l’urgenza di abbattere i muri che fanno della diversità un motivo di esclusione anziché occasione di ricchezza.

Un po’ coinvolta da un’amica, un po’ per caso, Vincenza sfila per la prima volta in carrozzina a San Giuseppe Vesuviano: «Lì non è stato imbarazzante, non conoscevo nessuno…». Poi ammira le “modelle speciali” in altra sfilata a Barletta, sua città natale e di residenza: donne visitate dal tumore, ragazze leucemiche o con sindrome di Down, rese più forti nella psiche e nel soma dalla voglia di superare la malattia. Belle, se non altro per questo.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE