Circumvesuviana, lascia il posto di lavoro: licenziato in tronco


2298

Continua la lotta durissima ai furbetti del cartellino: il Tribunale di Torre Annunziata in funzione di Giudice del Lavoro, ha confermato il licenziamento ai danni di un dipendente della società di trasporto regionale Eav – difesa in giudizio dal professor Marcello D’Aponte – che si era allontanato dal posto di lavoro senza autorizzazione durante l’orario di servizio. Si tratta di un dipendente della Circumvesuviana le cui violazioni l’azienda aveva accertato affidandosi a un investigatore.



Soddisfatto della decisione il presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio, che da tempo ha intrapreso la lotta ai cosiddetti “furbetti del cartellino”: «Ancora una vittoria – commenta – contro i furbetti del cartellino». In particolare, rende noto lo stesso numero uno dell’azienda, il Tribunale ha ritenuto i comportamenti del lavoratore – accertati dall’Eav mediante l’ausilio di un’agenzia di investigazione – a «potenziale valenza penale» accogliendo la richiesta – formulata in atti dal legale dell’Azienda – di trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica. «Siamo soddisfatti perché la magistratura ha confermato che le, non semplici, scelte effettuate dall’azienda nell’ambito della gestione e riorganizzazione del personale, volta a contrastare fenomeni negativi quali l’assenteismo, sono risultate corrette e ciò premia la stragrande maggioranza dei dipendenti Eav che lavora quotidianamente con impegno ed abnegazione nell’interesse della collettività», conclude De Gregorio.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE