I finanzieri del comando provinciale Napoli hanno sottoposto a sequestro, nel territorio di Sant’Anastasia una piantagione di marijuana allestita all’interno di un locale. In particolare i militari della Compagnia di Casalnuovo di Napoli hanno scoperto all’interno di un laboratorio nella cittadina vesuviana, una serra artigianale con 85 piante di cannabis indica, ed un complesso impianto elettrico costituito da 10 lampade, 10 trasformatori, 4 ventilatori e 2 aspiratori per agevolare lo sviluppo delle piante, in modo da poter realizzare più cicli di coltivazione nell’arco dell’anno.

I militari, inoltre, hanno anche accertato che il misuratore della corrente elettrica era stato manomesso al fine di prelevare illecitamente energia. Al termine dell’operazione, le fiamme gialle hanno sequestrato il laboratorio utilizzato per l’illecita attività, nonché tutti i dispositivi elettrici presenti utilizzati per la coltivazione. Il responsabile, un 41enne di Sant’Anastasia, è stato arrestato per coltivazione di sostanze stupefacenti e furto di energia elettrica e il tribunale di Nola ha convalidato l’arresto disponendo nei suoi confronti la misura cautelare del divieto di dimora a Sant’Anastasia.