Liberato, l’artista senza volto diventato un fenomeno musicale, invia un messaggio al pride. Il testo in napoletano letto durante il corteo di Pompei invita a non abbassare la testa e segue lo stile delle canzoni di Liberato. Arcigay Napoli, associazione guidata da Antonello Sannino, oggi pubblica una copertina per ringraziare l’artista e diffonderne il messaggio:

Aiz’ ‘a cap’ (Alza la testa)

Nunn’ ‘è dà retta (non gli dar retta)

Rall’ ‘nfaccia (reagisci, vai avanti)

Nun te sta zitt’ (Non stare zitto)

 

Allucc’ cchiù forte (Grida più forte)

Fa ‘e tarantell’ (fai casino, prenditi questioni)

Pazzea ‘ a ffa mal’ (gioca a fare male)

Fa semp’ burdell’  (fai chiasso)

 

Allucc’ ‘a mana smerz (grida alzando il dorso della mano)

Nun te sta (non subire)

Piglie tt’ cos’ ‘e  piett’ (prendi tutto di petto)

Nuie stamm ccà (noi siamo qui)