Una nuova vittima giovanissima del lavoro: è morto ieri un operaio che lavorava nel noto Pastificio Ferrara a Polvica di Nola. La vittima si chiama Aniello Bruno ed aveva solo 32 anni. Secondo quanto appreso l’uomo avrebbe perso la vita mentre lavorava alla macchina per gli imballaggi da cui sarebbe stato risucchiato e stritolato.

Sul fatto indagano gli agenti del commissariato nolano che hanno il compito di fare luce sulla vicenda. Bruno viveva nella confinante cittadina casertana di San Felice a Cancello Sul luogo lo strazio dei familiari e dei colleghi per un incidente, una nuova morte bianca, che ha strappato un giovane alla vita.