Maltrattata, picchiata e minacciata di morte da due anni, anche quando era incinta. La storia è emersa quando i carabinieri della stazione di Boscoreale sono intervenuti su richiesta della vittima per sedare una violenta lite di coppia. È qui che i militari dell’Arma hanno trovato un 24enne di origini romene mentre minacciava e strattonava la convivente, una ucraina di 40 anni. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni La donna è stata poi affidata ai medici dell’ospedale di Boscotrecase che le hanno curato contusioni al volto e al ginocchio destro.

La donna, sentita successivamente dai carabinieri, ha denunciato che episodi del genere andavano avanti da più di due anni e, considerando che la coppia ha un figlio di pochi mesi, hanno potuto ricostruire come l’arrestato mettesse in atto i maltrattamenti anche quando la compagna era incinta. Le sfuriate scattavano sempre per futili motivi e, verosimilmente, è la conclusione a cui sono giunti gli inquirenti, anche a causa dell’abuso di alcol da parte dell’uomo.