I carabinieri hanno arrestato un 20enne incensurato per il tentato omicidio del padre. I militari dell’Arma ieri sera sono intervenuti nell’abitazione familiare di Pompei dove il figlio aveva aggredito per motivi in corso di chiarimento il padre 53enne e il fratello più grande 22enne; presente anche la madre, 55enne, che però non è stata sfiorata. Il giovane ha ferito il padre con un fendente alla gola, mentre il 22enne ha riportato ferite compatibili con la difesa poiché ha tagli al braccio destro e alla gamba sinistra.

Entrambi sono stati trasportati in ospedale a Castellammare dove i medici hanno sottoposto a intervento chirurgico l’uomo, che non è in pericolo di vita, ed emesso una prognosi di 10 giorni per il ragazzo. Dopo il gesto il 20enne è salito a bordo della sua utilitaria ed è fuggito tentando di far perdere le proprie tracce ma i carabinieri lo hanno rintracciato e bloccato a Torre Annunziata. Dietro al sedile posteriore aveva nascosto uno zaino in cui c’era il coltello ancora sporco di sangue.