Camorra, arrestato a Terzigno il suocero del boss “Peppe ‘o Pazzo”

6167

In giro con documenti falsi, arrestato il suocero del capoclan. A finire in manette è Mario Felice De Martino, 67enne di Boscoreale, già noto alle forze dell’ordine, già condannato perché affiliato al clan dei Gallo-Limelli-Vangone ma, soprattutto, suocero del boss finto pazzo Giuseppe Gallo (nella foto), tuttora detenuto al regime del carcere duro.



De Martino è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Boscoreale, guidati dal comandante Massimo Serra, per violazione agli obblighi della sorveglianza speciale. I militari dell’Arma l’hanno sorpreso a Terzigno, nonostante il 67enne fosse sottoposto all’obbligo di soggiorno a Boscoreale. De Martino era a bordo di una Fiat Panda condotta dall’altro genero, anche lui ritenuto vicino allo stesso clan, ma libero. Durante la perquisizione, poi, De Martino ha, per di più, esibito una carta d’identità falsa su cui era riportato un altro nome di battesimo in modo da risultare “pulito”. A quel punto, è finito in manette ed è stato denunciato a piede libero anche per la contraffazione del documento d’identità. Dopo le formalità di rito, il 67enne è stato trasferito ai domiciliari nella sua abitazione di Boscoreale.

De Martino è il papà di Rosaria, moglie del boss Giuseppe Gallo, detto “Peppe ’o pazzo” perché per anni avrebbe finto una patologia psichiatrica per evitare processi e arresti, percependo anche la pensione di invalidità ogni mese. Fatti, questi, per i quali sono a processo anche alcuni medici che gli hanno certificato la schizofrenia invalidante.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE