Poteva essere davvero una strage, non è mancata comunque la tragedia: aveva 53 anni – e non 58 – l’unica vittima del terribile schianto di sabato notte tra i caselli autostradali di Sirmione e Desenzano del Garda, già in territorio desenzanese e in direzione Milano. Si chiamava Ofelia Cattelan, di origini francesi (nata a Nizza) ma da tempo residente a Pompei.

Era a bordo della sua auto, una Jaguar XJ con targa francese, in compagnia dell’anziana madre, una donna di 86 anni ricoverata in gravi condizioni in ospedale. L’auto è stata centrata in pieno da un furgone Peugeot guidato da un 39enne pavese che non ha visto il mezzo fermo tra la seconda e la terza corsia di marcia. Centrata in pieno a oltre 130 chilometri orari. Ofelia Cattelan è morta sul colpo: oltre a lei si contano cinque feriti, la madre che era seduta sul sedile del passeggero, il 39enne alla guida del furgone, altre due persone che erano scese dalle loro auto per prestare aiuto, il 25enne di Rudiano da cui si sarebbe scatenata la paurosa carambola.