Notte d’inferno all’ospedale di Boscotrecase, medici aggrediti e pronto soccorso super-affollato


10699

È stata una lunga notte quella appena trascorsa all’ospedale di Boscotrecase, dove la tensione è stata a lungo altissima a causa del sovraffollamento all’interno del pronto soccorso. Le persone sul posto parlano di tre aggressioni verbali ai medici durante cui si sono sfiorati anche attacchi fisici dovuti alla lunga attesa prima di essere visitati.



In tanti sono stati visitati addirittura sui lettini delle ambulanze a causa della carenza di posti e di barelle dovuto al grande afflusso nei locali dell’ospedale Sant’Anna e Maria della Neve, costringendo così gli operatori del 118 a non potersi muovere dal nosocomio. Nelle foto è visibile la grande ressa all’interno dell’ospedale ed il nervosismo di chi si trovava in attesa.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE