Morto sulla Statale 268, nuovo appello della mamma: «Cerco il signor Giovanni che ha soccorso mio figlio»


32757

Giovanni Fago aveva appena 25 anni, è deceduto nella serata del 27 aprile sulla Statale 268 mentre viaggiava in sella alla sua moto. Oggi la mamma Patrizia D’Esposito fa il suo secondo appello per chiedere a chiunque abbia visto qualcosa quella drammatica sera di farsi avanti per capire le dinamiche dell’incidente.



«Salve a tutti Sono la mamma di Giovanni Fago che ha perso la vita venerdì 27 aprile sulla statale 268 del Vesuvio. Intanto, volevo ringraziare tutti voi che avete condiviso il mio appello da Facebook, in questo modo ho potuto personalmente abbracciare e ringraziare chi con grande coraggio ha soccorso mio figlio. Ma ancora vorrei ringraziare di persona un signor Giovanni (così ho saputo che si chiama) Il primo che ha soccorso Mio figlio. Vorrei che tutte le persone che erano lì presenti quel drammatico giorno mi chiamassero perché ad uno ad uno vorrei ringraziarli. Vorrei, inoltre, che fosse fatta chiarezza sulla dinamica dell’incidente, sulla quale ci sono ancora molte ombre. Mi hanno riferito che i carabinieri sono arrivati dopo qualche ora e la circolazione dei veicoli sul tratto di strada era ancora libera nonostante era evidente la natura tragica dell’incidente che ha visto coinvolto mio figlio. Da madre credo di avere il diritto di saper come ha potuto la motocicletta condotta da mio figlio trovarsi sul lato opposto di quella strada maledetta, in un tratto cui le autovetture si erano accodate ad un camion e procedevano lentamente. Ci sono molti interrogativi che meritano una risposta».

«Mi rivolgo alle coscienze di coloro che erano sul posto, pregando loro di contattarmi almeno voi che avete visto tutto anche se per l’ultima volta mio Figlio. Vi prego, contattatemi (all’indirizzo e-mail: veritapergiovanni@virgilio.it) e condividete il mio appello per la verità».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE