Corruzione e materiali scadenti, verso il processo tre professionisti di Nola e del Nolano LEGGI I NOMI


1863

Per ben due volte un funzionario pubblico della Città metropolitana di Firenze respinse le offerte di “bustarelle” da parte di un imprenditore che poi lui stesso fece arrestare denunciando le pressioni alla polizia provinciale. È quanto emerge dall’avviso di conclusione delle indagini per una vicenda del 2017 in cui un architetto dirigente del settore viabilità e strade vanificò il tentativo di corruzione del suo ufficio rifiutando di prendere i soldi dall’emissario di una ditta impegnata in lavori stradali nel Mugello, Raffaele Tizzano, 40 anni, di Mariglianella.



Dagli atti emerge che i tentativi di corrompere l’architetto della Metrocittà di Firenze furono due: il primo nell’ottobre 2017, il secondo il 24 novembre 2017. Secondo procura e sezione di pg della polizia provinciale, Raffaele Tizzano, delegato dal fratello Agostino Tizzano amministratore unico della ditta, la Cores, avrebbe offerto denaro in una busta al funzionario pubblico per ottenere la sua approvazione riguardo allo “stato di avanzamento lavori” di un appalto di manutenzione delle strade. Il funzionario rese indietro subito la busta coi soldi. Ma ci fu un secondo episodio in cui fu offerto denaro, 4.000 euro sempre in una busta chiusa, al dirigente pubblico: stavolta perché lui, con atto contrario al suo dovere d’ufficio, avallasse le riserve contabili chieste dalla Cores al momento di liquidare lo stato di avanzamento dei lavori. L’architetto rifiutò anche questa offerta. Per questi due episodi Raffaele Tizzano è accusato di istigazione alla corruzione. L’inchiesta però ha svelato anche due presunte truffe sulle manutenzioni stradali in appalto che avrebbero fatto ottenere alla Cores ingiusti profitti di 93.000 e 338.000 euro: nel primo caso l’accusa riguarda una quantità di materiali maggiori (bitume) dichiarati rispetto a quelli effettivamente consegnati nei cantieri; nel secondo caso il danno per la Metrocittà di Firenze è risultato nella percentuale di bitume non conforme alla marcatura Ce e ai capitolati di appalto. Per queste accuse di truffa sono accusati in concorso lo stesso Raffaele Tizzano, il fratello Agostino Tizzano, e il responsabile del cantiere nel Mugello Giuseppe Guida, 63 anni di Nola.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE