Vacanze di lusso a Cortina senza pagare, due sangennaresi a processo ECCO I NOMI  


4071

Vacanze a sbafo all’hotel De la Poste, fra i più prestigiosi della Perla delle Dolomiti. Oltre quattromila euro di spese mai pagate per cinque giorni in mezza pensione. Ma a pesare, soprattutto, sono state le numerose consumazioni al bar. Ieri, in tribunale a Belluno, due napoletani erano a processo per truffa. La vicenda, che vede alla sbarra Luigi Cozzolino 75 anni e Valerio Perillo 38enne, entrambi di San Gennaro Vesuviano, è avvenuta tra il 23 e il 27 dicembre 2011. I due furbetti prenotano altrettante stanze matrimoniali, per loro e le proprie famiglie, sul portale Booking.com.



Questi, quale garanzia dell’operazione, inviano da un finto account (fincredit@europe.com invece di fincredit@tiscali.it) una serie di e-mail nelle quali il mittente li avrebbe definiti come clienti di un general manager della Fin Credit di Milano e che quindi, per l’addebito del costo della vacanza, si sarebbe dovuto far riferimento alla carta di credito aziendale. Inoltre, nella missiva veniva specificato che a questi particolari ospiti l’albergo avrebbe dovuto garantire il full credit. Come a dire che la Srl meneghina avrebbe sostenuto la spesa anche di tutti gli extra.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE