Si nasconde dietro muretto per sfuggire all’arresto, preso figlio del boss e fratello dei killer di Korol


2929

Per evitare l’arresto il figlio del capo del gruppo criminale del Napoletano si tuffa dietro un muretto: è finito comunque in manette Nicola Ianuale, 26 anni, già noto alle forze dell’ordine e figlio di Vincenzo, detto “o squadrone”, arrestato dai carabinieri a Castello di Cisterna mentre si aggirava nel cortile dell’insediamento popolare chiamato “la Cisternina” malgrado dovesse trovarsi ai domiciliari. Il tentativo di eludere l’intervento dei militari si è rivelato vano: il giovane, in attesta di essere giudicato in quanto accusato di spaccio, è stato riconosciuto, raggiunto e arrestato per evasione. Dopo le formalità è stato di nuovo messo ai domiciliari, in attesa di essere giudicato con rito per direttissima.



Il ragazzo di 26 anni, Nicola Ianuale, figlio del boss Vincenzo arrestato oggi dai carabinieri a Castello di Cisterna, è fratello e fratellastro dei due giovani ritenuti gli assassini del muratore-eroe ucraino Anatolij Korol, ucciso il 29 agosto del 2016 mentre tentava di sventare una rapina in un supermercato. I due autori della tentata rapina sfociata nell’omicidio di Korol – Gianluca Ianuale (nella foto), 22enne, che si autoaccusò dell’omicidio, e il fratellastro Marco Di Lorenzo, 32 anni – sono stati entrambi condannati il 23 settembre del 2016 a 20 anni di carcere dal Tribunale di Nola.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE