Arriva un nuovo candidato sindaco alla corsa per la poltrona di primo cittadino di San Giuseppe Vesuviano. È Francesco Giugliano, avvocato e giornalista, presidente di Rinascita Civile Vesuviana. Ad annunciarlo è stato lo stesso Giugliano attraverso i social network. La sua candidatura è stata caldeggiata dal sindaco di Napoli e della Città Metropolitana, Luigi de Magistris. Si arricchisce, insomma, lo scenario delle aspiranti fasce tricolori: Giugliano si aggiunge infatti all’uscente Vincenzo Catapano, e agli altri due ex sindaci Antonio Agostino Ambrosio e Ivan Casillo. Ancora da capire se anche il MoVimento 5 Stelle presenterà una lista.

Giugliano dice: «Vi annuncio la mia candidatura a sindaco di San Giuseppe Vesuviano, in veste di rappresentante del gruppo di Rinascita Civile Vesuviana, alle prossime elezioni comunali previste per il 10 giugno. Una candidatura, la nostra, sostenuta fortemente dal sindaco di Napoli Lugi De Magistris e dagli altri compagni e amici di DeMa, nonché da mio padre, Dottor Giovanni Giugliano, dal professor Giuseppe Cutolo, dal dottor Santolo Giugliano, dall’avvocato Angelo Cutolo, dal Professor Carlo Coppola, dal dottor Vincenzo Giordano, dal dottor Raffaele Palma, da Catello Turchetti, da Biagio Ammirati, dal dottor Domenico Ambrosio, dall’avvocato Giuseppe Miranda e da tutti gli altri amici che hanno partecipato al nostro percorso di rinascita politica, sociale e culturale cominciato quasi tre anni fa. La nostra è una proposta civica di radicale cambiamento del paese, volta a creare una seria alternativa di governo che possa dare rappresentanza ai cittadini che non si riconoscono nella classe politica che ha governato San Giuseppe Vesuviano negli ultimi 30 anni. Il nostro programma, che presto sottoporremo ai cittadini, concedendogli anche la possibilità di emendarlo con proposte e suggerimenti, sarà basato sul sostegno alle famiglie più disagiate, sulla riqualificazione delle periferie, sul rilancio dello sport e delle politiche sociali, sulla tutela della salute e dell’ambiente, sul rilancio del commercio e della cultura. La nostra sarà una campagna elettorale di proposta, priva di polemiche, volta a far capire alla cittadinanza l’importanza e la centralità di un esercizio del voto libero e consapevole, propedeutico alla ricerca e alla tutela del Bene Comune. Da una parte ci saranno i protagonisti del passato e dall’altra noi con la nostra proposta, nuova e credibile: se ai cittadini piace il paese così come è oggi, essi saranno liberi di scegliere di sostenere una delle altre coalizioni, se invece non si riterranno soddisfatti delle condizioni in cui versa San Giuseppe ci votino e ci sostengano attivamente: riprendiamoci il nostro futuro».