RIME NEOMELODICHE – Carnalità, con video a sorpresa…

646

Sembra che non ci sia fine alle fonti di ispirazione che questa citta’ offre a chiunque sia dotato di un (pur se minimo) senso di attaccamento e voglia esaltarne il valore.
Non pensavo di amarla in ogni suo aspetto, di riscoprirne le peculiarita’…
pur solo rileggendo cio’ che finora ho descritto nei miei brevi racconti, con la sensazione di chi ha sempre
fischiettato un allegro motivo, senza mai soffermarsi sul testo.
Quanto sei bella Napoli… col tuo golfo…Quanto sei bella col Vesuvio sullo sfondo…che meraviglia di laghi …e che pizze! che dolci! che aromi delicati!…che donne,… le nostre donne mediterranee.
…Che cuori, i nostri cuori… Ecco una strofa che aggiungo a questa antica melodia,…
che si esprime, con spontaneità, verso il prossimo sconosciuto, con gesti di solidarieta’, amicizia, disponibilita’ in una parola sola…(come la definisce mia cugina AnnaMaria*) : “carnalita’”.
E di questo oggi voglio raccontare.
Di questo sentimento napoletano che ho fotografato domenica mattina in una passeggiata,
la prima, in un’ autentica giornata di primavera che col suo tepore, ha invitato i napoletani sul lungomare Caracciolo ad essere spettatori, come nel film di De Crescenzo*.
Un verace episodio di napoletanita’ che, istintivamente, ho ripreso per voi.
Io stesso, che conosco fino in fondo l’animo napoletano, che so’ della sua vivacita’,
calore espressivo e disponibilita’, resto sempre sbalordito e orgogliosamente coinvolto, difronte a tanta propensione verso chi si trova in difficolta’.
Non sto a raccontare l’episodio perche’, (lo vedrete da soli), per la prima volta nel racconto, inserisco il video che, però, non mi esime dalla consueta ispirazione neomelodica… naturalmente.



◇ Sti guagliun so’ chin’e cor !

Si foss nu’pittore…
Oggi sta tela s’arrigness e culore…
e o’ penniello, comm si teness’ a volonta’…
rappresentasse ‘ncopp a tela nu’ sentiment:.”a’ carnalita’”.

O’ pittore tent’e’ ce pruva’…
ma iss stess…che sentiment
…nun sap comme se fa’.

Si!…ce mett a tela… o’ cavalletto, ‘mpast ‘e culure…

ma sul guardann a’for’a tela,…e solo allor,
se rende cont …ca’ nun vulenn… ha pittat o’ core.♡

S©iro

Note:
A Napoli non é una novita’
che si disegna un cuore e sotto si scrive …CARNALITA’.

(*)Luciano De Crescenzo noto scrittore, regista e attore Napoletano.
Così parlò Bellavista é un suo film del 1984…tratto dall’omonimo romanzo.
(*)AnnaMaria Caramiello, mia cugina carnala…
1° perché cugina di primo grado ( e da noi così si dice )
2° perche’ beh… lo avrete
capito dal racconto.♡

Chi e’Ciro Notaro:
E’un ex funzionario Agenzia delle Entrate di Naploi3….Napoletano.
Scrive pensieri in rima che definisce melodici, quando toccano temi passionali (o’core, l’ammore, l’amicizia) oppure neomelodici, quando son temi di fantasia ironici, parafrasando i testi dei cantanti neomelodici….e poi quelli che lui stesso definisce “Penzier pe’ pensa”che, altro non sono che spunti di riflessione sulle cose della vita.
Si firma con uno pseudonimo ” S©iro ” e scrive in rima per dare musicalita’ alle parole.
Il suo intento nel proporsi all’ attenzione de “il fatto Vesuviano”, e’ di dare risalto ad alcuni progetti di solidarieta’
…perche’ ritiene solidale il supporto del giornale nell’ evidenziare il suo intento e a rafforzare la sua idea di
” amicizia solidale “.

Ci tiene a precisare che cio’ che espone e’ in forma dialettale parlata e non sono poesie bensì, “Raccontinrima” perche’ si reputa un cantastorie di fatti…un modesto Trilussa Napoletano nel denunciare… piuttosto che un poeta.

I contatti per chi volesse sponsorizzarsi con pensieri melodici e sostenere il progetto di “amicizia solidale 2018 intitolato “Pensieri in mille colori per un Arcobaleno di solidarieta’” a favore dei Bambini in difficolta’e di chi a loro provvede sono:

Ciro Notaro..Facebook messenger
Ci.not@libero.it

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE