Ospedale di Nola, 7 operai sul tetto: «Licenziati per rappresaglie sindacali»


1595

Protesta a Nola dei lavoratori della ditta di pulizie Flash srls che sono saliti sul tetto dell’ospedale per chiedere «dignità, diritti, stipendio e il reintegro dei dipendenti licenziati per rappresaglia sindacale». Sul tetto ci sono sette lavoratori, tra cui anche una dirigente sindacale dell’Usb che figura tra i licenziati. L’Usb chiede che «l’Anac, l’ispettorato, l’Asl e la politica tutta intervenga e metta fine a questo appalto che produce solo disservizio».



I lavoratori, che stanno gridando slogan con un megafono, hanno esposto striscioni sul tetto. La ditta Flash – che dà lavoro a 150 dipendenti – si occupa delle pulizie negli ospedali e negli uffici dell’Asl Napoli 3 Sud. «La Flash, in una riunione con Asl Napoli 3 Sud – fa sapere Adolfo Vallini, dell’Usb – ha detto di avere risolto le proprie problematiche economiche e che quindi avrebbe pagato i suoi dipendenti. Questo non è accaduto, anzi ha licenziato altri lavoratori e nel frattempo sembra abbia anche assunto altro personale».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE