Droga a Somma Vesuviana: «De Bernardo mi sparò un colpo di pistola nell’auto»

3131

Era il 29 maggio del 2014 quando i carabinieri a Somma Vesuviano perquisirono l’automobile di Giovanni De Liso, tra gli arrestati nel blitz contro il clan Fabbrocino. L’intento delle forze dell’ordine era di trovare droga o altro, ma scoprirono un foro di pallottola sotto alla moquette della Smart. Secondo De Liso a sparare fu Gennaro De Bernardo, poi rimasto ucciso l’ottobre successivo in un incidente in moto a Saviano.

Gennaro De Bernardo, accusato da De Liso, non può difendersi. L’uomo è deceduto nel 2014 in un incidente in moto

È lo stesso De Liso a parlarne con i carabinieri, è lui a riferire che ad esplodere il colpo sarebbe stato proprio De Bernardo per il controllo della piazza di spaccio nel rione Fiordaliso. «Si presentò da me nel 2013 per offrirmi la possibilità di controllare il traffico di stupefacenti, era un periodo in cui i Sarno si erano ridotti al minimo, mentre i Fabbrocino avevano ridotto la loro pressione».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE