Vittime innocenti, da Pompei in 20mila marciano sotto la pioggia


955

Hanno sfilato sotto la pioggia, in 20mila, secondo la stima diffusa dagli organizzatori: studenti giunti da tutta la Campania per manifestare da Pompei, in provincia di Napoli, a Scafati, in quella di Salerno, a sostegno della memoria delle vittime di mafia. L’iniziativa di Libera Campania ha riunito una folla di persone in piazza Immacolata, a Pompei, per la 23esima edizione della Giornata nazionale della Memoria e dell’impegno. La fiducia li ha premiati, e anche un arcobaleno ha incorniciato la giornata ed è stato immortalato dai manifestanti come simbolo di speranza.



«Nessun temporale ci può fermare», hanno urlato i ragazzi che hanno sventolato bandiere di diversi colori. I rappresentanti sindacali regionali di Cisl e Uil hanno accompagnato il corteo che, in piazzale Aldo Moro, a Scafati, in contemporanea con le altre città italiane, si è unito con la piazza nazionale di Foggia per la lettura ad alta voce dei nomi delle 975 vittime delle mafie. Il corteo è stato scortato da un imponente schieramento delle forze dell’ordine. Un serpentone umano, quello dei manifestanti, lunghissimo. Circa due chilometri e mezzo, la distanza che separa Pompei da Scafati. Pompei aveva preparato il 19 marzo questa giornata con una veglia di preghiera nel santuario dedicato alla Beata Vergine del Rosario, dove i nomi delle vittime innocenti della mafia erano stati scanditi durante la messa celebrata nella cappella dedicata al beato Bartolo Longo. «Abbiamo marciato da Pompei a Scafati insieme a tante e tanti studenti arrivati da tutta la Campania e al fianco dei familiari delle vittime innocenti – hanno affermato gli organizzatori – Per liberare le nostre città dalle camorre e dalla corruzione».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE