Uccide la moglie a Terzigno, aveva lasciato lettera: ricerche in tutta l’area vesuviana anche con elicotteri

13335

Una lettera di qualche giorno fa, dai toni minacciosi, scritta da Pasquale Vitiello, 36 anni, l’uomo ricercato capillarmente dai carabinieri che indagano sull’uccisione della moglie, Immacolata Villani, 31 anni, freddata a Terzigno davanti alla scuola in cui aveva appena accompagnato la figlia di 9 anni. Una missiva nella quale l’uomo diceva di volersi fare giustizia da sé; frasi sulle quali si è accentrata l’attenzione degli investigatori per comprendere le dinamiche del rapporto di coppia e lo scenario entro il quale è maturato l’omicidio. I militari dell’Arma, oltre ad acquisire le immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona, stanno ascoltando le testimonianze di parenti e amici dei due coniugi.



La 31enne diversi giorni fa era tornata ad abitare a Terzigno dal padre, che vive con una compagna, portando con sé la figlia. A scuola questa mattina in via Pini era andata in auto insieme a una parente acquisita attraverso il fratello, mentre l’uomo ha raggiunto l’istituto primario in sella a uno scooter. Uno solo il colpo sparato contro la donna, alla testa, durante una discussione. Poi la fuga dell’uomo e il tentativo di soccorrere la donna. La salma ora è a disposizione dell’autorita’ giudiziaria che disporrà l’autopsia.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE